Notizie‎ > ‎

Le energie alternative dei Comuni italiani

pubblicato 17 ott 2011, 00:00 da Sončna Elektrarna Fotovoltaika   [ aggiornato in data 17 ott 2011, 00:03 ]
Cresce la Sostenibilità Energetica


In Italia cresce il numero dei comuni virtuosi che risparmiano sull'energia utilizzando fonti alternative.
L’ultimo rapporto "Comuni Rinnovabili" di Lega Ambiente -riconosciuta come "associazione di interesse ambientale" dal Ministero dell'Ambiente italiano- indica un aumento sostanziale negli ultimi due anni.
Analizzando i dati del rapporto è particolarmente significativo, inoltre, il fatto che cresca la diffusione per tutte le fonti alternative.
Dal 2009 al 2011 sono aumentati i comuni virtuosi da 6.993 a 7.661 e ancor più significativo è il dato che ben 964 Comuni, grazie a una sola fonte rinnovabile, sono in grado di produrre più elettricità di quella che consumano.

"L'adozione delle energie rinnovabili è stato significativo, con un aumento della produzione del 13%, mostrando che queste tecnologie sono affidabili e competitivi", ha detto il presidente di Legambiente, Vittorio Cogliati.

Il rapporto ha evidenziato che il 94% dei comuni punta alle energie rinnovabili come parte del loro piano energetico. E' anche significativo che tutte le fonti di energia rinnovabile stiano crescendo in numero, questo include fotovoltaico, riscaldamento solare diretto di acqua e aria, idroelettrica, geotermia, biomassa, biogas e energia eolica, il tutto integrato con i sistemi di riscaldamento domestico e moderno ad alta efficienza.

Il prossimo 10 novembre 2011 si terrà a Roma (presso il polo congressi di Fiera Roma) il convegno espositivo "Sostenibilita' Energetica" dedicato agli incontri professionali per sviluppare città sostenibili.
Grazie a Sostenibilità Energetica infatti gli operatori del settore potranno contare su una nuova piattaforma d’incontro che assume in sé, al contempo, le caratteristiche del convegno e dell’esposizione.

La manifestazione si svilupperà in sei aree specifiche:
- Energie alternative (solare termico, solare fotovoltaico, biomasse, biogas, cogenerazione, geotermico ed eolico), - Reti distributive (teleriscaldamento, teleraffreddamento, reti elettriche e reti idriche),
- Climatizzazione (grandi impianti per il settore residenziale, industriale e per il terziario/commerciale),
- Illuminazione Tecnica (illuminazione pubblica, per esterni, industriale, terziario/commerciale),
- Reti Informatiche (it, gestione e controllo, sicurezza e mobilità)
- Elettricità (impianti elettrici, domotica e automazione per residenziale, industriale e terziario/commerciale).

E per favorire lo scambio delle competenze tra le professionalità della filiera energetica, saranno implementati autentici laboratori in cui sviluppare nuovi impulsi per il settore energetico: l’Area Incontri, dove le aziende potranno incontrare il proprio pubblico target nell’ambito di incontri tecnico-professionali in cui le stesse aziende saranno protagoniste – e l’Area progetto – che ospiterà i progetti realizzati dalle aziende o che prevedono l’apporto significativo delle loro tecnologie e servizi-.

Arch. Lorenzo Margiotta

Dal sito: www.edilia2000.it
Comments