Notizie‎ > ‎Faq sul fotovoltaico‎ > ‎

4. Cosa significa “Conto energia”?

pubblicato 21 nov 2011, 03:22 da Sončna Elektrarna Fotovoltaika   [ aggiornato in data 27 nov 2011, 23:58 ]

Il Conto Energia è il nome del programma europeo di incentivazione per la produzione di elettricità mediante impianti fotovoltaici stabilmente connessi alla rete elettrica.


In Italia, secondo la Finanziaria 2007, il Conto Energia prevede il riconoscimento, per un periodo di 20 anni, di una tariffa per ogni kWh prodotto da sistemi solari fotovoltaici: l’energia prodotta viene conteggiata da un apposito contatore prima di essere immessa nella rete di distribuzione da cui viene successivamente prelevata dall’utente stesso per la copertura del proprio fabbisogno energetico. L’energia in eccesso immessa nella rete viene “accumulata” e rimane fruibile dall’utente per i tre anni seguenti, nei periodi in cui l’impianto non è in funzione (notte, manutenzione) o la produzione risulta minore del fabbisogno (cattivo tempo).

l "Conto Energia" è il decreto che stabilisce un incentivo per 20 anni per privati, imprese ed enti pubblici che installano un impianto solare fotovoltaico (cioè un impianto che genera elettricità dall'energia solare) connesso alla rete elettrica. L'incentivo è proporzionale all'energia elettrica prodotta.

Al ricavo che deriva dal riconoscimento economico dell’energia prodotta, l’utente che investe nella realizzazione di un impianto fotovoltaico deve sommare il risparmio effettivo sulla bolletta dell’energia elettrica: al termine dei 20 anni in cui godrà dell’erogazione degli incentivi, l’utente continuerà ad immettere energia elettrica nella rete e a prelevarla gratuitamente a seconda delle proprie esigenze, pagando eventualmente la sola parte di energia utilizzata e non prodotta,  o potrà decidere di vendere al gestore la parte di energia non utilizzata. La legge prevede, inoltre, un ulteriore incentivo per gli utenti che investiranno in opere di ristrutturazione e manutenzione straordinaria volte al contenimento della dispersione energetica del proprio edificio: un motivo in più per scegliere di investire nel fotovoltaico!

Riepilogando, i vantaggi economici del progetto sono quindi costituiti dalla somma dei benefici economici del Conto Energia e dal risparmio che deriva dall’autoproduzione dell’energia elettrica.

Il decreto, pubblicato in prima versione nel 2006, è ora giunto alla Sua quarta versione, studiato con una nuova logica che tende a privilegiare l'esecuzione di impianti piccoli ed ottenere energia distribuita.

Tabella con le tariffe incentivanti per gli impianti tradizionali per l’anno 2012:




Comments